La dimensione ideale per una serra agricola a uso hobbistico

dimensioni serra agricola

Esiste una dimensione ideale per una serra agricola a uso hobbistico? Beh direi di no, ma posso consigliarvi su quale tipologia fare un pensierino. La serra per uso agricolo è una struttura totalmente smontabile, i suoi componenti sono assemblati mediante bulloni e soprattutto la serra non deve essere posizionata a terra con opere di cemento. Questo per evitare che la struttura venga considerata un’opera fissa e non amovibile. Per posizionare una serra agricola nel proprio terreno, di solito, occorre presentare una SCIA (segnalazione certificata di inizio attività) al proprio comune di appartenenza. Di solito, perché la procedura può cambiare da comune a comune, soprattutto se ci sono zone di vincolo ambientale o zone rosse dove è impossibile installare una serra. Per maggiori informazioni è possibile approfondire il tema dei permessi per costruire una serra.

Quale dimensione scelgo per il mio orto?

La dimensione della serra dipende molto da quanto spazio abbiamo a disposizione. Bisogna considerare degli “spazi di manovra” intorno alla serra, sia per accedere e sia per effettuare lavori di pulizia del terreno o per trasportare qualcosa al suo interno. Una tipologia più venduta negli ultimi anni misura 6 metri di larghezza per 10 metri di lunghezza. Un totale di 60 metri quadrati, quindi, tutti da coltivare. Sì, perché bisogna tener presente che il terreno all’interno va coltivato e quindi lavorato a dovere. Una serra 6×10 metri è una dimensione ottimale da gestire anche da soli.

Detto questo nessuno vieta di fare la serra più piccola o più grande, basta che si tiene ben presente che è inutile acquistare una serra di grandi dimensioni, per poi lasciare degli spazi incolti o al contrario di farla troppo piccola e riempirla di piante all’interno.

Che cosa posso coltivare in una serra agricola?

Direi davvero tutto. La serra viene utilizzata per proteggere le colture al suo interno, creando un ambiente mite che favorisce la crescita e la fioritura delle piante fino a portarle al raccolto finale senza nessuno stress. Si può decidere di coltivare ortaggi e verdure, piante aromatiche, piante da frutto, di coltivare sia direttamente nel terreno, in vasi o in cassoni di legno. L’importante è dare la giusta protezione a ciò che si è posto al suo interno.

La serra protegge il raccolto anche dagli insetti dannosi?

La serra agricola non vieta l’ingresso a insetti dannosi per il raccolto, che possono entrare sia dal sottosuolo che dalle aperture perimetrali. Allora cosa possiamo fare per risolvere questo problema? Ci sono degli accorgimenti che si possono adottare:

  • montare delle reti antiafidi per bloccare l’ingresso esterno di insetti;
  • aggiungere una piccola parete anche di altezza 1 metro perimetrale (sia in telo sia in policarbonato) per evitare l’ingresso di animali dall’esterno;
  • areare sempre la serra evitando di creare zone troppo umide all’interno;
  • fertilizzare e preparare il terreno con prodotti naturali che doneranno alle piante la giusta ”potenza” per sconfiggere gli insetti pronti all’intrusione.

Voglio soffermarmi sull’ultimo punto, quello della fertilizzazione naturale. È inutile fare una serra agricola per il proprio orto e utilizzare prodotti chimici, non ha davvero senso. Il nostro sforzo nel tirare fuori del cibo deve essere ripagato sia dal gusto sia dalla bontà del prodotto. Non posso concepire di portare cibo a km 0 in tavola, sapendo che ho adoperato sostanze dannose e che lasciano anche residui tossici nel terreno. Una buona preparazione del terreno, con una concimazione naturale e di seguito l’utilizzo di fertilizzanti organici al 100%, deve essere un must della nostra filosofia green. Certo, la serra ha un suo costo, però avere la certezza di cosa stai per mangiare non ha prezzo, questo ripaga al 100% l’importo speso.

Noi siamo qui a vostra disposizione, contattaci per info e consigli.

Un saluto e buon orto a tutti.