Gli attrezzi giusti per l’orto in casa

L’orto in casa rappresenta una vera oasi di benessere sotto tutti i punti di vista. Si possono coltivare infatti prodotti naturali, si sa cosa si mangia, ci si dedica ad un’attività piacevole e rilassante.

L’importante è che, a prescindere dal fatto che l’orto sia in giardino o in formato mini sul terrazzo, si usino gli attrezzi giusti.

In questa guida vedremo quindi quali attrezzi non possono mancare nell’orto di casa.

ATTREZZI PER L’ORTO DI CASA: POCHI MA GIUSTI

Se si dispone di uno spazio non molto grande, naturalmente gli attrezzi necessari saranno commisurati alle esigenze, ma gli utensili che vedremo dovranno comunque essere scelti di ottima qualità e materiali resistenti.

Tra le raccomandazioni proprio sui materiali c’è quella di usare preferibilmente l’acciaio inossidabile, ed evitare la plastica.

Il motivo è duplice: da un lato l’acciaio non si arrugginisce (soprattutto se si lasciano gli attrezzi all’aperto), dall’altro la plastica non è eco compatibile.

In secondo luogo i guanti vanno sempre usati, e non solo per proteggere mani e dita da eventuali tagli. Tra le piante potrebbero nascondersi infatti dei piccoli insetti che potrebbero pungere (come i tafani o i ragni). Inoltre è sempre bene evitare il contatto con la pelle di prodotti concimanti.

IL KIT IDEALE PER GLI ATTREZZI DELL’ORTO IN CASA

Paletta e secchiello sono due utensili che non stanno bene solo al mare.

Naturalmente nell’orto di casa si tratta di una pala piccola per scavare e spostare la terra e di un secchio di alluminio per trasportare terriccio, foglie o scarti vari.

Per quanto riguarda le dimensioni della pala, sarebbe bene rimanere sui 20-25 cm, per scavare la terra in fase di piantinamento.

Una pala più piccola può essere utile per i travasi di piantine piccole come le talee. Importante che il manico sia antiscivolo e possibilmente ricoperto (altrimenti le vesciche saranno sicure).

Le forbici, o meglio le cesoie, non possono mancare. Anche in questo caso sceglierle robuste, ma con il manico in gomma per una più facile maneggevolezza. Se si devono recidere rametti le cesoie devono essere grandi e robuste, se si devono tagliare solo piccoli fusti vanno bene anche delle forbici da esterni.

Altri due attrezzi utili sono il coltellino e il rastrello.

Il coltellino serve per eradicare le erbacce ma anche per cogliere piante come la cicoria o l’insalata, che vanno tagliate quasi sotto terra.

La lama deve essere necessariamente di acciaio inossidabile, perché il contatto con la terra lo farebbe arrugginire nel giro di poco tempo. Meglio ancora se fosse a scatto, in modo da tenerlo al riparo da bambini e animali domestici.

Importante è pulirlo dopo ogni uso, per evitare il ristagno di terra sulla lama.

Se lo si trova, si può scegliere quello graduato in lama, che mostra la profondità del terreno, utile per piantare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui