Hai il pollice nero? Non ti arrendere!

Sogni di avere un terrazzo o un giardino rigoglioso e pieno di fiori, ma non c’è nulla da fare? Ogni volta che provi a piantare qualcosa nel giro di poco ti abbandona? Potresti avere il cosiddetto pollice nero. Niente paura però, e soprattutto non ti arrendere.

In questa guida ti daremo tutti i consigli giusti per trasformare il tuo pollice da nero ad una brillante tonalità di verde.

POLLICE NERO: COMINCIA CON LE COSE SEMPLICI

Uno dei primi errori che potresti commettere, è quello di darti delle aspettative troppo alte.

Se hai tentato di innestare una rara pianta che cresce solo in certi paesi del mondo e non ti è riuscito, il motivo potrebbe stare nella difficoltà legata a quella coltivazione. Allo stesso modo, se hai piantato in terrazzo contemporaneamente 20 varietà di fiori, ciascuna delle quali chiede cure diverse, sarà quasi impossibile farle sbocciare tutte. Ancora, se non rispetti i tempi di maturazione di un fiore ma lo vuoi vedere fiorire in inverno, resterai deluso. Parti con piccoli obiettivi e con piante semplici da curare.

Ad esempio con dei gerani travasati in primavera.

TRASFORMA IL POLLICE NERO IN VERDE IN POCHE MOSSE

Come prima cosa inizia scegliendo le piante più semplici da curare e posizionale in casa. Curare una pianta dentro l’appartamento infatti è già più semplice del gestire un orto.

Sarà sufficiente posizionare le piante in una zona luminosa ma non con i raggi del sole diretti, accanto ad una finestra in modo che possano cambiare anche l’aria, e sceglile tra questa lista (sono le piante più resistenti da appartamento):

  • Aloe vera: veramente semplice da curare, richiede poca manipolazione ed acqua ma nel contempo ha proprietà notevoli. Purifica l’aria, assorbe microparticelle inquinanti e, se dovessi tagliarti o bruciarti, ti basterà tagliare la punta spinosa della pianta per usare il gel contenuto dentro per un impacco;
  • Ficus: anche questa è una pianta da interni che è molto resistente e può crescere anche parecchio. L’importane è posizionarla in un punto molto luminoso e fare in modo che il terreno sia sempre umido;
  • Gerani: perfetti per il balcone o il davanzale, insomma per uno spazio che sia esterno. Resistono molto bene al caldo e alla siccità, ed infatti non vogliono troppa acqua, che invece li fa marcire. Rigogliosi in estate, donano al balcone un aspetto magnifico.

Per finire, qualche piccolo consiglio può essere utile. Se vedi che una pianta si trova bene in un certo punto della casa, lasciala lì! Evidentemente si è adattata al meglio tra aria e luce. Se invece una pianta (accade spesso con il ficus) sembra non crescere, prova a metterla in un punto più luminoso.

Spolvera le foglie delle piante (con molta delicatezza) una volta ogni 10 giorni circa, con un panno pulito e umido. In questo modo toglierai la polvere che occlude i pori della pianta e la lascerai respirare meglio, come la pelle.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui