Orto a maggio : semine e lavori per un orto produttivo

Le temperature “sembrano” ormai stabilizzate, la primavera è giunta, se non hai ancora realizzato il tuo orto, questo è il momento per iniziare!. Maggio è un mese molto produttivo e seguendo i nostri consigli, sarai ripagato del tuo impegno con prodotti preziosi da portare in tavola.

Che cosa seminare nell’orto a maggio?

WV6Q25F8ZJ

 

Sia che decidi di iniziare sul balcone, quindi di utilizzare dei vasi, o in un vero e proprio orto, in questo periodo puoi seminare: carote (consiglio un vaso profondo almeno 30 cm), basilico, pomodori, cetrioli, lattuga, rucola, zucca, zucchina, melanzane, peperoncini. Per le semine, consiglio di utilizzare un piccolo semenzaio e di verificare che sia provvisto di fori di drenaggio, in modo da far defluire l’acqua in eccesso. Dopo aver versato il terriccio nel semenzaio o nel vaso, picchiettatelo un paio di volte sul piano di lavoro così da eliminare qualche sacca d’aria. Verifica che il terriccio contenuto nel semenzaio sia livellato, lasciando circa un cm dall’orlo, così facendo eviterai fuoriuscite di terreno nel momento dell’annaffiatura. Nella fase di preparazione del terriccio, puoi mescolarlo al 10-20% con dell’humus di lombrico, per fornire al terreno un ammendante naturale molto prezioso. Cerca di seminare uno/due semi per vaso o per cella del semenzaio, le radici saranno meno infastidite e le operazioni di rinvaso più semplici. Ricordati di mantenere sempre il terriccio umido, questo per evitare di far seccare il seme e di bloccare il processo di crescita. Per controllare lo stato di avanzamento del seme, è consigliabile etichettare il vaso o il semenzaio con la data di semina e la tipologia.

Lavori da fare nel nostro orto

Se hai seguito in nostri consigli nei mesi precedenti, ti ritroverai un orto in piena produzione.  Bisogna prestare molta attenzione alla comparsa delle “erbe infestanti”, favorite nella crescita da luce e temperature ottimali in questo periodo.  Si possono eliminare manualmente o, facendo molta attenzione a non rovinare le piante, con una piccola zappetta. Importante è anche la rincalzatura delle piante già presenti nell’orto. Con una piccola paletta, si addossa una quantità di terriccio sufficiente a proteggere le radici e la base del fusto. Quest’operazione è consigliata per le piante di fava, melanzana, peperone, pomodoro e piselli. Entro il mese si possono trapiantare le piantine fatte nascere nel mese precedente. Cetriolo, melanzana, peperoncino, pomodoro e zucchina. Conservate il pane di terra intorno alla piantina intatto, in modo da evitare che la stessa si stressi al momento dell’inserimento nel nuovo terriccio.

tomato-plants-334393_1920

Un’operazione molto importante da svolgere nel nostro orto sano, è la “scacchiatura” del pomodoro per quelle tipologie a crescita indeterminata (cioè che si sviluppano su un unico fusto e vanno legate a un tutore). Questa tecnica consiste nell’eliminare, tramite delle forbici o dove si può manualmente, i germogli che crescono alla base delle foglie nell’ascella della pianta detti “femminelle”. Vanno subito asportati perché, potendo a loro volta produrre frutti, entrano in competizione con il fusto principale e indeboliscono la pianta che darà una produzione qualitativamente scarsa con pomodori di piccole dimensioni. Inoltre, asportando le femminelle, si aiuta la pianta a crescere con più luce e nutrimento evitando di far contrarre malattie ai nostri pomodori. Consigliamo di ripetere la scacchiatura una volta a settimana.

Come sempre bisogna provare e riprovare per diventare dei coltivatori esperti. L’estate si avvicina e mangiare una bella insalata con pomodori e verdure del nostro orto è un piacere per pochi. Occhio all’annaffiatura, con le temperature in aumento, pratichiamola nelle ore meno soleggiate. Amiamo la natura e salveremo il nostro pianeta.

NC1DGJG544

Buon orto a tutti.

Luigi Celano

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui