Orto e giardino

Per migliorare il nostro orto, il giardino o il nostro personale piccolo o grande spazio da coltivare è possibile fare davvero molto. La prima cosa – semplice semplice – è fissare obiettivi da raggiungere con dedizione e con un pizzico di divertimento il ché non guasta mai. E in poco tempo ci accorgeremo che stiamo raggiungendo ottimi risultati.

Imparare sempre

Nell’attesa che il clima si faccia più mite, o se vogliamo dare presto inizio a un nuovo orto, oppure curare al meglio un angolo del giardino, procuriamoci i migliori libri e le più ricche risorse dedicate alla coltivazione naturale e all’agricoltura biologica. Troveremo molte delle risposte ai nostri dubbi tra le parole degli esperti. Può essere utile consultare gli anziani e i vicini di casa che coltivano un orto, che vi sapranno dare i suggerimenti migliori grazie alla loro lunga esperienza.

La pianificazione è fondamentale

Proviamo a pianificare in anticipo la struttura del nostro orto. Quante zolle avremo a disposizione? Quanti e quali ortaggi potremmo seminare in ognuna? Quali sono le migliori combinazioni per proteggere le piante dai parassiti? È bene pianificare lo schema dell’orto e un calendario delle semine di mese in mese, o comunque un paio di settimane prima che inizi la nuova stagione, per non lasciarsi cogliere impreparati.

Impatto ambientale minimo

Con il nuovo anno e l’inizio di un nuovo orto impegniamoci ancora di più nel ridurre l’impatto ambientale delle nostre coltivazioni, anche se si tratta di un piccolo orto domestico. Rinunciamo ai diserbanti e ai fertilizzanti di sintesi. Approfondiamo i metodi di coltivazione biologica e naturale ed informiamoci sulla possibilità di costruire un impianto di irrigazione goccia a goccia per risparmiare acqua.

Se non ci siamo ancora dedicati al compostaggio domestico, è davvero arrivato il momento di iniziare. Così riusciremo ad avere a disposizione del buon compost per il nostro orto tra la primavera e l’estate. Possiamo decidere di compostare in un semplice cassone all’aperto, magari vicino all’orto, in cui gettare gli scarti alimentari, oppure sperimentare la costruzione di una compostiera fai-da-te.

Coltivare nuovi ortaggi

Nuovo orto, nuove sfide. Soprattutto non dimentichiamo che mantenere una certa varietà in ciò che coltiviamo incide in modo positivo sulla nostra alimentazione. Proviamo a coltivare, almeno in una zolla del nostro orto, degli ortaggi che fino a questo momento non vi avevano mai trovato spazio. Acquistiamo i semi e le piantine in un vivaio di fiducia, facciamoci suggerire i momenti migliori per la semina e per il trapianto, e iniziamo a prenderci cura di ciò che nel giro di poche settimane crescerà in modo del tutto naturale. Soprattutto, non dimentichiamo che coltivare l’orto non è soltanto fatica, ma soprattutto una fonte di divertimento e di grandi soddisfazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui