Le piante da appartamento della nonna

Anche la natura subisce il fascino della moda. Nel corso del tempo ci siamo lasciati condizionare da riviste, che indirizzavano la nostra attenzione verso alcune tipologie di piante da appartamento, trascurando altre da sempre presenti nelle nostre case. Moda e tecnologia, hanno cambiato anche il modo di vivere il green, rendendolo più accessibile a tutti. Quando da piccolo facevo visita a mia nonna, rimanevo incantato dall’enorme quantità di piante da interni che aveva in casa, soprattutto del fatto che ogni pianta stesse sempre nelle migliori condizioni possibili. Merito della tecnologia? Sicuramente no, merito del tanto amore verso la natura e del know how acquisito nel tempo. Difficile da ripetere? Direi di no, siccome il nostro fidato amico smartphone è sempre pronto a fornire le giuste dritte per prenderci cura delle nostre piante. Ripetere il maestoso salotto green di mia nonna è sicuramente complicato, il tempo non è mai abbastanza e siamo tutti pieni d’impegni, ma acquistare due o tre piante “vintage” e seguire la loro crescita, penso che si possa fare tranquillamente: vuoi mettere la soddisfazione di tua nonna quando viene a trovarti a casa?

Piante da appartamento vintage, quale scegliere

Tra le piante da appartamento vintage più conosciute, poiché presenti sui migliori pianerottoli degli anni ’50 e ’60, troviamo:

Aspidistra

La aspidistra è una pianta da interni ornamentale originaria dell’Asia orientale. La sua caratteristica principiale è quella di adattarsi a ogni clima. Può raggiungere fino a 70 centimetri di altezza e può essere coltivata sia in vaso sia direttamente in giardino.

Asparagina

Parente stretta dell’asparago, la asparagina è una pianta da appartamento davvero particolare. Le sue foglie sono in realtà dei rami verdi appiattiti. Le foglie vere sono presenti sulla pianta sotto forma di piccole spine appuntite e pungenti. Non tollera i raggi solari diretti, va posizionata in un vaso più piccolo rispetto alla dimensione della pianta stessa, ma quando inizia a crescere in maniera spropositata, va rinvasata in un ampio contenitore. Una pianta poco reperibile, molto utilizzata negli anni ’70, disponibile in pochi garden center.

Clivia

Pianta erbacea originaria dell’Africa meridionale. Una specie molto diffusa in Italia è la specie Clivia miniata, una pianta che produce un ciuffo di grandi foglie a nastro. La clivia è un classico fra le piante da appartamento, le sue grandi foglie sempre verdi, durano per l’intero anno.

Ecmea

Originaria delle foreste pluviali dell’America del sud, questa pianta da appartamento si caratterizza per le foglie verdi con striature bianche. La ecmea preferisce essere posta vicino a finestre, dove la luce viene filtrata dalle tende e in tutti i casi posizionata lontana da fonti di calore artificiali. Cresce fino a 50 centimetri e predilige un clima tra i 18 e 22 °C.

Sansevieria

Non dovrei dirlo, ma la sansevieria è la mia pianta da interni preferita. Ottima per farla crescere in appartamento, perché richiedere pochissime cure. La sansevieria è una pianta sempre verde, proveniente dall’Africa meridionale. Esistono numerose specie, circa 60, la cui altezza può variare da 15 centimetri fino ad arrivare a due metri! Un denso corpo di foglie carnose e di colore verdi protese verso l’alto caratterizza questa succulenta, che non vuole essere bagnata troppo per non correre il rischio di far marcire le radici. Posizionatela in un luogo soleggiato, ma non al sole diretto. Nei mesi caldi possiamo farle prendere una boccata d’aria sul balcone, per poi riportarla all’interno appena inizia l’inverno.

Dove acquistare queste piante da interno?

 

Non tutti i garden center hanno a disposizione queste piante da interno. Di solito nei negozi di piante, possiamo trovare prodotti legati alla stagione e alle mode del momento. Se qualche vostro conoscente ha una pianta che ci può interessare, una tecnica che ci viene in aiuto è sicuramente la riproduzione della pianta mediante talee. Bisogna dire però, che non tutte le piante sono riproducibili in questo modo, quindi meglio consultare il web per scoprire quali si prestano a quest’operazione.

Come riprodurre una pianta da interno per talea

Ok, siamo sicuri che quella determinata pianta sia riproducibile in questo modo, ecco i passaggi fondamentali:

  1. assicuriamoci che la nostra pianta sia in forma, di un bel colorito e con una crescita rigogliosa.
  2. selezioniamo un ramo giovane e con più di una gemma e tagliamo dai 10 ai 15 centimetri. Utilizziamo delle cesoie o un coltello da innesto bene affilati e sterilizzati, il taglio deve essere netto e possibilmente a 30 gradi.
  3. talea snella: ripuliamo la talea da foglie e boccioli dei fiori, perché questi assorbirebbero elementi nutritivi. Lasciamo una o due foglie nella parte alta e continuiamo dell’operazione di moltiplicazione della pianta principale.
  4. inseriamo la nostra talea in un bicchiere con dentro una miscela di acqua e fertilizzante naturale adatto alla crescita delle radici. Per tre o quattro ore manteniamo il rametto a bagno.
  5. nel frattempo spargiamo del fungicida sulla parte recisa della pianta madre, in modo da evitare che possa essere attaccata appunto da qualche fungo.
  6. prepariamo un vasetto con terriccio leggero, e inseriamo la nostra talea all’interno.
  7. posizioniamo il vasetto in un luogo ombreggiato, non al sole diretto. Manteniamo il terreno sempre umido, ma non eccedere nell’annaffiature. Queste operazioni favoriranno il moltiplicarsi delle radici.
  8. facendo attenzione a non rovinare la giovane piantina, controlliamo che alla nostra talea siano cresciute le radici. Appena formato l’apparato radicale, trapiantiamola in un vaso più grande o direttamente nel terreno.

 

Se andrà tutto per il verso giusto, avremo un clone della pianta originale. La riproduzione per telee richiede pazienza e attenzione, ma dona risultati davvero soddisfacenti. A questo punto non mi resta che augurarvi un appartamento pieno di piante vintage, perché essere originali, anche in natura può fare la differenza.

Un saluto green e buon gardening a tutti!

Luigi Celano

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui