Quanto ne sai di canapa?

Si fa spesso confusione quando si parla di canapa, perché è associata erroneamente solo a quella utilizzata a scopo ricreativo “Marijuana”, in realtà la pianta fa parte della stessa famiglia botanica ma va distinta quella “industriale” da quella con effetti “psicoattivi”.

iscrizione su volta – Credit foto viachesiva.it

La canapa sativa (industriale) è una pianta che fa parte della tradizione italiana. Panis vita, canabis protection, vinus laetitia (il pane è vita, la canapa è protezione e il vino è letizia) è una vecchia iscrizione che compare nella centralissima via Indipendenza di Bologna, dando le spalle a Piazza Maggiore, a testimonianza di un fiorente raccolto agricolo di una Bologna di un tempo. La canapa ha accompagnato l’uomo fin dalle sue origini. Le corde che legavano le navi romane erano prodotte con filamenti di canapa, era utilizzata dagli egizi a scopo medico e la Bibbia di Gutenberg fu scritta su carta pregiata proprio di canapa. Di questa pianta non si butta niente, è totalmente riciclabile e può essere utilizzate in diversi modi:

  • Rivestimenti termici per il settore edilizio, estratti dai filamenti dal ramo della pianta.
  • Prodotti alimentari, farine e oli estratti dai semi di canapa, con alte percentuali di omega 3 e omega 6.
  • Abbigliamento, scarpe, lenzuola e borse, ottenuti sempre dalle fibre dei rami di canapa.
  • Carta, anche se ha un costo considerevole, realizzata con fibra di canapa.
  • Infiorescenze, con un contenuto alto di CBD, per realizzare tisane, birre e oli essenziali.

Ma è legale coltivare e acquistare prodotti alla canapa?

Canapa Sativa in crescita

La legge n.242 del 2 dicembre 2016, regolamenta le condizioni per cui è possibile coltivare e vendere prodotti provenienti dalla canapa. Bisogna dire che è possibile far tutto ciò solo a condizione che il TCH (Tetraidrocannabinolo) sia pari o inferiore allo 0,2%. Sì, ma cos’è il THC? È il più noto tra i principi attivi della canapa, per dirla semplice è quello che “sballa” e che quindi influisce sulla parte psicoattiva quando è utilizzato. Al contrario le piante di canapa “light”, quelle che possono essere coltivate e utilizzate per gli scopi descritti sopra, hanno un contenuto alto di CBD, possiamo dire la parte buona della pianta stessa. Il CBD (Cannabidiolo) non provoca nessun effetto, anzi contrasta quelli del TCH, riduce dolori e infiammazioni, allevia i disturbi dell’ansia, riduce la nausea, ha effetti positivi sulla cura della pelle e nonostante sia conosciuto per i suoi effetti rilassanti, il cannabidiolo è energizzante perché riesce a rafforzare e rigenerare le cellule del corpo umano. Ricordando che la natura ha sempre fornito le giuste soluzioni all’uomo, possiamo dire che la pianta di canapa ne rispecchia al pieno questa filosofia. Farine o oli alla canapa, contribuiscono a favorire il nostro metabolismo, hanno un alto contenuto di omega 3 e 6, sono digeribili al massimo e possono essere un’alternativa per chi ha problemi di celiachia. I tessuti alla canapa sono termoregolatori, dando benefici a chi li utilizza. Le infiorescenze possono essere utilizzate per trarre al pieno i benefici del CBD, rilassano e sono utilizzate in particolar modo da chi ha problemi d’insonnia. Anche la cosmesi ha sviluppato diversi prodotti con la canapa, questo perché il cannabidiolo ha proprietà lenitive – emolienti – nutritive, favorendo cosi i processi rigenerativi della pelle, tessuti cutanei e anche delle unghie.

Coltivazione in serra con led

La coltivazione di canapa può essere una nuova possibilità per il settore agricolo. Si lavora facilmente, si adatta a tutti i tipi di terreni e può essere seminata anche in serra, dove sarà più facile controllare umidità e temperature. Un settore con un’espansione quasi “esplosiva”, e che personalmente credo possa crescere con numeri importanti nei prossimi anni. Basta comprendere che della canapa non c’è solo la parte cattiva, ma far passare il messaggio che questa pianta ha innumerevoli benefici per la nostra salute.

Saluti, Luigi Celano 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui